Ecco i finalisti del Premio Itas di letteratura di montagna

La giuria del Premio Itas del Libro di Montagna ha selezionato la rosa dei 13 finalisti della 43ᵃ edizione tra un totale di 122 opere pervenute da 70 case editrici partecipanti. Record di partecipanti anche per Montagnav(v)entura, il concorso che premia i racconti scritti da giovani autori tra gli 11 e i 26 anni. Sono ben 765 i racconti inviati alla giuria, oltre 200 in più rispetto alla precedente edizione (nel 2016 erano state 550).

I finalisti della 43ᵃ edizione del Premio ITAS per ciascuna delle tre categorie in gara sono:

Migliore opera narrativa:
Di roccia, di neve, di piombo (Priuli & Verlucca) di Andrea Nicolussi Golo
I 3900 delle Alpi (MonteRosa) di Alberto Paleari, Erminio Ferrari e Marco Volken
Il sentiero degli eroi. Dolomiti 1944. Una storia di Resistenza (Rizzoli) di Marco Albino Ferrari
La sostanza del male (Einaudi) di Luca d’Andrea
Le otto montagne (Einaudi) di Paolo Cognetti

Migliore opera non narrativa:
In nome dell’orso. Il declino e il ritorno dell’orso bruno sulle Alpi. Storia, cronaca, conflitti e sfide (Il Piviere) di Matteo Zeni
Intelligenza artificiale. Tecnica, materiali e storie dell’arrampicata artificiale classica e new age (Versante Sud) di Fabio Elli e Diego Pezzoli
La battaglia del Cervino. La vera storia della conquista (Laterza) di Pietro Crivellaro
La costruzione delle Alpi. Il Novecento e il modernismo alpino (1917-2017) (Donzelli Editore) di Antonio de Rossi
La guerra verticale. Uomini, animali e macchine sul fronte di montagna. 1915-1918 (Einaudi) di Diego Leoni

Migliore opera narrativa per ragazzi:
E se dovrò partire anch’io? La verità sulla Grande Guerra raccontata ai ragazzi. Tutto quello che non si dice (Edizioni DBS) di Antonella Fornari
l segreto di Espen (EDT-Giralangolo) di Margi Preus, Montagna (Rizzoli) di Alberto Conforti.

I tre vincitori delle singole categorie saranno resi noti a Trento il prossimo 2 maggio durante la serata-evento di premiazione presso Casa ITAS, in collaborazione con la settimana cinematografica del 65° Trento Film Festival (27 aprile – 7 maggio 2017). Nello stesso giorno saranno resi noti anche i nomi dei giovani vincitori del Premio Montagnav(v)entura.

Altri post di Piero Carlesi

21/04/2017 - 11:30
La principale novità è la riapertura, dopo una stagione di lavori, prevista nel prossimo mese di luglio, del rifugio Torre di Pisa sulla cima Cavignòn a 2671 metri. Si tratta della principale struttura nel gruppo del Latemar. È stato totalmente ricostruito ed ampliato. La nuova costruzione si...
05/04/2017 - 15:00
Presentata ieri a Milano, presso la sede centrale del Club alpino italiano la 65a edizione del Trentofilmfestival, la rassegna di cinema in montagna più antica e più celebre al mondo. Il Presidente del Festival Roberto De Martin e la direttrice Luana Bisesti, con la collaborazione di Sandro...
28/03/2017 - 15:45
Alle ore 19.15 per gentile concessione di Mountain Wilderness Italia, la proiezione del film : Siddiqa e le altre – Un sogno Afghano di Carlo Alberto Pinelli (Presidente di Mountain Wilderness Italia) Fotografia di Alessandro Ojetti –  Italia 54′. Il film ruota intorno alle vicende di tre ragazze...
13/03/2017 - 11:00
A Schio (Vi) sarà inaugurata il 25 marzo 2017 a Palazzo Fogazzaro una mostra sulle Gallerie del Pasubio. L'esposizione, che resterà aperta al pubblico dal 26 marzo al 24 settembre, ripercorre attraverso fotografie, oggetti e documenti d’epoca la storia della strada costruita nel 1917, fra febbraio...
10/03/2017 - 16:00
La storica stazione del Pavillon du Mont Fréty, situata a 2173 m di quota e collegata all’attuale stazione intermedia di Skyway Monte Bianco, è stata interamente ristrutturata e verrà in parte destinata al Museo dedicato alla scoperta della montagna e della storia di Funivie Monte Bianco, risalente...