In Viaggio con Gaia. Non chiamatela Lapland, si chiama Sapmi

Sono ritratti in quasi ogni opuscolo di promozione turistica della Norvegia, sono i Sami. Li vedrete fotografati in vestiti con colori accesi accanto alle loro amate renne. Ma chi sono veramente i Sami?

I Sami norvegesi si considerano una nazione all'interno di una nazione. Anzi, potremmo dire che si considerano una nazione all'interno e anche all'esterno della nazione perché il loro senso di confine è legato alla natura del territorio, non alla politica. Ma con la politica oggi devono fare i conti anche loro. La nazione Sami va vista in una ottica diversa da quella a noi più consueta: i confini di questa nazione sono puramente linguistici, e sono tracciati dalle neccessità delle risorse naturali: dove vanno le renne, dove si può pescare secondo la tradizione, questo è il territorio dei Sami e loro lo chiamano Sàpmi. Questo termine è quello con cui si identificano loro stessi, il termine Lappone e Lapponia sono invece stati dati dagli europei. Arriva da "Lapp", "toppa", ed aveva un connotato spregiativo perché indicava il livello di povertà e semplicità della vita di queste popolazioni rispetto allo stile di vita già più urbano diffuso nel resto del continente.

I Sami oggi devono accettare confini disegnati dalla storia e da politici che risiedono in capitali lontane da queste regioni. La maggior parte (40000 dei circa 60000 sparsi nei paesi scandinavi) risiede in Norvegia. Ma una buona parte è divisa poi tra Svezia, Finlandia e Russia.

Per conoscerne la storia, per capire la importante trasformazione che questa popolazione sta vivendo, è neccessario fare tappa a Karasjok, nel Finmark.

Certo, Karasjok vi costringerà a deviare dall'itinerario consueto e più battuto verso capo Nord. E vi costringerà ad addentrarvi nel cuore del Finmark, al confine con la Finlandia, non lontano dal confine con la Russia. Ma visto che sicuramente nel vostro viaggio verso capo Nord, attraverso i fiordi norvegesi, tra assaggi di salmone e di marmellate di bacche, avrete sicuramente sentito nominare più volte i Sami, una visita a Karasjok vi consentirà di conoscere questa popolazione indigena europea come altrimenti non sarà possibile.

A Karasjok visiterete il bellissimo Samediggi, il parlamento Sami. Qui vengono discussi i problemi di questo popolo e come presentarli al governo norvegese. L'edificio è molto interessante e richiama forme tradizionali (il cono di legno che spicca dall'edificio è l'aula del parlamento). C'è una biblioteca, e in estate viene offerta una visita guidata a chi interessato.

Sempre a Karasjok c'è il parco tematico Sapmi (Sapmi è il nome della nazione Sami). Al suo interno, oltre al caratteristico shop, potrete assistere a due presentazioni video (con giochi di luce e di suoni impressionanti) che vi avvicineranno al passato ed al presente della popolazione Sami.

Sempre a Karasjok c'è il museo della storia e cultura Sami. La highlight qui è probabilmente la replica (l'originale è conservato in luoghi non visitabili del museo) di un tamburo sciamanico della fine del 1600. Si tratta di uno dei pochi tamburi sopravvissuti agli anni della "assimilazione", quando i Paesi scandinavi si adoperarono per far scomparire questa cultura, vista come fastidiosa e primitiva.

A Karasjok, insomma, ci si può immergere nel "rinascimento" dei Sami, oggi riconosciuti come un prezioso e indiscusso gruppo etnico indipendente (anche se non mancano attriti tra i Sami e il governo, soprattutto su temi di gestione del territorio).

A Karasjok si può pernottare allo Scandic o al Motell Karasjok, più economico.

Altri post di Jacopo Pasotti

Ritratto di jacopolist
15/08/2019 - 09:30
Ce lo aspettavamo da tempo, ora è un dato certo: anche l'Artico è contaminato dalle nostre plastiche. Le microplastiche inquinano l'acqua dal rubinetto di casa nostra fino alle profondità il mare. La novità è che ora gli scienziati hanno trovato concentrazioni di plastica nella banchisa dello...
Ritratto di jacopolist
01/08/2019 - 14:30
Sono passati 65 anni da quando, il 31 luglio 1954, Lino Lacedelli e Achille Compagnoni piantarono la piccozza nella neve crostosa che copre la vetta del K2, che con i suoi 8611 è il secondo Ottomila della Terra. Un grande risultato per l'alpinismo italiano, voluto, sostenuto, e organizzato da...
Ritratto di jacopolist
29/05/2019 - 12:15
Si dice che in certi casi il viaggio è una neccessità. Ed è anche la base di ogni narrazione fantasiosa che parla di un viaggio. Questa è la storia, e non è fantasiosa, di Naseem che fin dalla sua adozione ha coltivato la curiosità e il desiderio farsi catturare dalle proprie radici, che da Firenze...
Ritratto di jacopolist
06/05/2019 - 13:00
Eccomi di fronte al monumento alla geologia, un monumento un po' funereo, devo dire. Nera e lucida roccia, come la pelle di una foca appena uscita dall'acqua, ma dura come solo la roccia può essere. Qui è dove il continente eurasiatico e il cosiddetto sub-continente indiano si incontrano. O, per...
Ritratto di jacopolist
09/12/2018 - 09:00
Giassudin Saddar è un contadino. Vive nel villaggio di Mugarjo, nel distretto di Pirjopur nel sud del Bangladesh. È un territorio in continua trasformazione il suo. È a poche decine di chilometri dall’oceano, ma non lo si sente e non lo si vede. Però si sentono e si vedono le maree che alzano e...