A RIMIRAR LE STELLE SUL MAR DI KOHAMA

Tokio.Un poco tristi in questo inizio d` estate, piovoso,grigio, spiacevole per le protratte restrizioni anti-Covid,volte a propiziare un`improbabile(e non desiderata) olimpiade.Ci  fa bene ricordare un bel posto visitato di recente.Kohama. E`,questa,`con Ishigaki e Iriomote una delle piu`attraenti isole dell`arcipleago delle Yaeyama,nella prefettura di Okinawa,a tre ore d`aereo da Tokyo e a trecento chilometri da Taiwan.

500 

Una piccola isola di otto chilometri quadrati sovrastata da un montarozzo di un centinaio di metri e circondanta da una delle piu`estese barriere coralline del mondo.Vi si coltiva la canna da zucchero e i pochi abitanti allevano,all`aperto e in stalle modello, pregiati bovini che sono molto richiesti,in tutto il Giappone,dove il business del wagyu-la costosa carne marezzata-e` cosa molto seria

 

 I turisti, principale risorsa isolana, sono accolti in una manciata di alberghetti sul porto e due o tre resorts  sparsi nel verde.Il piu`grande di questi,lo Haimurubush-Stella del Sud,nella lingua di Okinawa-ci ha ospitato per un breve soggiorno, davvero piacevole.

Quaranta ettari di superficie sui quali si estende un magnifico parco di stile giapponese creato, quasi mezzo secolo fa, da un celebre architetto. Una quidicina di ville-bungalows e pochi,bene ambientati, edifici,in bella pietra locale simile al travertino,per i ristoranti,le sale comuni e centocinquanta stanze.Insisto su questi dettagli per significare l`assoluta rarita`di questa ambientazione elegante, intimista e direi quasi sontuosa, in una grande struttura alberghiera giapponese di questi giorni.

Gli ospiti ,per circolare tra edifici, spiaggia, in stile Forte dei marmi, bagni termali-onsen, minigolf,tennis e un assai nipponico, strano “Museo degli insetti”, usano piccole auto elettriche.Mi hanno detto che il primo proprietario del sito amasse molto gli animali: gli e`che il complesso accoglie in appositi spazi,stagni e recinti, due bufali d`acqua,caprette,falchi ,anatre e alcune grosse,simpatiche tartarughe.

 Altra curiosita`.I prati dell`Haimurubush.Sono all`inglese(alla giapponese?)  curatissimi e tosati costantemente da robot-falciatori che-spiegano alla recepion-assicurano la massima riservatezza ai clienti in viaggio di nozze o intenti ai bagni di sole.

 

Personalmente raccomando i bagni di luna.Kohama e` un ottimo osservatorio stellare:sulla spiaggia,a notte fonda,sdraiati su un lettino da Billionaire.

Altri post di Leo Grigliè

Ritratto di lgriglie
27/08/2021 - 11:45
Tokyo.”I biscotti italiani sono migliori dei biscotti inglesi”,sosteneva D`Annunzio.Ma non aveva, forse, mai assaggiato quelli nipponici che sono davvero squisiti. Sono piu` di cent`anni,ormai, che in Giappone si sforna un`eccellente pasticceria  da te`(da non confondere con i “wagashi” della...
Ritratto di lgriglie
08/07/2021 - 09:45
Tokyo.A un giovane e interessante amico italiano,Edoardo,un grande appassionato di cultura giapponese, che vive a Tokyo e lavora per una multinazionale informatica,ho suggerito Ishigaki come meta preferenziale per le sue imminenti,ancorche`brevi, vacanze estive.E`-gli ho detto-uno dei posti piu`...
Ritratto di lgriglie
13/05/2021 - 07:45
Tokyo.Sono-stimano gli esperti del Parco Nazionale-poco piu`di cento i gatti selvatici sopravissuti nei Millenni nelle foresta subtropicale di Iriomote,un`isola di 290 chilometri quadrati a cento miglia da Taiwan e tre ore scarse d`aereo dalla capitale giapponese.Specie in via d`estinzione-sono...
Ritratto di lgriglie
06/03/2021 - 06:30
Tokyo.Ho scoperto il Giappone intorno ai dieci anni grazie ai film di Kurosawa.Quelli  piu`famosi li ho visti e rivisti mille volte e ogni volta, mi hanno aiutato a capire qualcosa in piu`di questo difficile paese e della sua gente. Conosco bene molte delle cruente storie guerresche narrate dal...
Ritratto di lgriglie
04/02/2021 - 12:30
Tokyo.Al grande maestro Hokusai,piaceva il movimento.Visitando il piccolo,ma modernissimo museo a Sumida, veniamo a sapere che l`immortale autore delle celebrate “vedute del Monte Fuji”,morto quasi novantenne nel 1849,cui si ispirarono pittori come Monet e musicisti come Debussy,nella sua lunga e...